giovedì 14 novembre 2013

Brioches sfogliate e torta belga "la fiamminga" delle sorelle Simili:ricetta base


Cicli e ricicli in cucina! 
Soprattutto quando il freddo fuori ricomincia, la voglia di piatti coccolosi impazza e la pigrizia la fa da padrona sul tempo a disposizione! 
Rieccomi in cucina, complice il cubetto di lievito, che mi grida la data di scadenza e allora ... via con le sorelle Simili ed il loro imperdibile impasto per i panini semidolci, il tipo piu' morbido, e le briochine!


il pan brioche


e
new entry:
 LA FIAMMINGA!


ECCOLI ... DOPO LA COTTURA!






Ricetta base delle SORELLE SIMILI!
Profumati hanno il grande pregio di poter essere conservati nel congelatore, al tuo servizio, alla bisogna (li ho preparati in vista del pranzo della prox settimana!). Quando ho un pomeriggio o una mattina scarichi, sono la mia occupazione preferita: impasto il lievitino e lascio trascorrere il tempo necessario alla lievitazione dedicandomi a tutte le altre faccende! Una bella lavorata per l'impasto finale, i 10 / 15 minuti dedicati al piacevolissimo impasto, mi gratificano poi con la loro occhiatura regolare del pane che cresce nel forno. Magia bianca la chiamano e per me e' una sorpresa che segue la suspence, ancora ogni volta!

IL LIEVITINO:
330 g farina di forza (per me la MANITOBA)
150g di acqua a T°A
5 g lievito di birra
impasto il tutto, copro a campana e lascio lievitare fino a che non raddoppia

IMPASTO:
670 g di farina di forza
250 g di acqua
150 g di burro
50 g di strutto
100 g di zucchero
15 g di sale
CHE FARE:
riunisco tutti gli ingredienti nell'ordine nella planetaria.
Aggiungo il lievitino e lascio lievitare per almeno un'ora.
Mescolo tutti gli altri ingredienti nella planetaria.
Completata la lievitazione del "lievitino" lo mescolo all'impasto principale. Riavvio la planetaria per amalgamare entrambi gli impasti.
Tolgo dalla planetaria e lavoro a mano energicamente per 10 /12 minuti.
Lascio lievitare per 40/45 minuti coperto a campagna
Procedo poi a seconda di quello che voglio ottenere:
PER LE BRIOCHES: stendo l'impasto prima dell'ultima lievitazione ed aggiungo a 425 g di impasto 35 g di burro freddo, battuto con il mattarello in una sfoglia sottile. Pongo nel centro dell'impasto il burro steso e chiudo a libro con i tre giri per la sfoglia. Pongo in frigo per 30'.
Stendo poi in una striscia da 1 cm che ritaglio a triangoli isosceli.
Arrotolo ogni triangolo a partire dalla base e pongo sulla leccarda rivestita di carta da forno, con la punta all'ingiu'!
Lascio lievitare ancora finche' le brioches hanno raddoppiato il loro volume.
Cuocio in forno a 180°C fino a cottura, per circa 15/ 20 minuti.
Ottime a colazione, come rompidigiuno e, scaldate e farcite, come aperibuffet!!!!!!


TORTA BELGA "LA FIAMMINGA"
425 g di impasto gia' lievitato
100 g zucchero di canna a cristalli fini
40 g di burro
CHE FARE.
stendo la pasta su una teglietta (20 cm diametro) ricoperta di carta forno leggermente inumidita. Con un dito scavo fossette regolari nelle quali deposito pezzettini di burro. Cospargo abbondantemente tutta la superficie con zucchero di canna. Cuocio in forno a 220°C per 15/16 minuti poi appena la torta e' cotta la tolgo dalla teglietta e la pongo sulla gratella ad asciugare.
E' una merenda d'eccezione sana e dolce quel tanto che basta per renderla gradita!!!!


Per la cottura del panbrioche utilizzo uno stampo di silicone (musichiere) e lascio a lievitare fino a quando lo stampo e' riempito.
Lo cuocio in forno caldo a 220°C per circa mezz'ora. Tolgo poi il pan brioche dallo stampo e finisco la sua cottura in forno spento per altri 15'.
Buonissimo in accompagnamento con salumi e carpacci!!!!

Bon Appetit!

PS.ringrazio questa amica per i bannerini autunnali


mercoledì 13 novembre 2013

Sablés salés


Potevano mancare gli esperimenti salati? Sinceramente nooo ... anzi, devo dire la verita' che per primi, mi hanno fatto rispolverare il piacere della cucina, questi sablés salati, con il pecorino e l'immancabile Parmigiano. Che io non ami il dolce e' ormai risaputo ma che mi incuriosisca sempre trasformare l'impasto da dolce a salato, questo dovrebbe essere risaputo fra questi posts!
Cosi' via ... a la recherche!!!!
Ecco qui dunque la ricettina che fa al caso mio, gradevolmente trasformata con profumino di pecorino che dal forno leggermente promana per tutta la casa ... diventando cosi' gaudio per le nostre papille in quel di un bel aperitivino casereccio! Quando ce vo' ... ce vo'!

INGREDIENTI per una decina di sablés

50 GR DI FARINA 00

50 GR DI BURRO
50 GR DI PECORINO SARDO
1 CUCCHIAIO DI GRAPPA
PEPE NERO

Pongo nel bicchiere del mixer tutti gli ingredienti elencati per la preparazione dei sablés...
Aziono per pochi secondi fino a quando si forma una palla, la estraggo, la lavoro brevemente.
Preparo un cilindretto , spesso circa 5 cm di diametro, lo avvolgo con pellicola trasparente e lo pongo in frigo per almeno 30'....
Passato questo tempo sistemo su un tagliere il cilindro e lo affetto con uno spessore di 1 cm o poco piu'.....
Trasferisco i biscottini ritagliati sulla teglia precedentemente inumidita con acqua per far meglio aderire la carta da forno....
Inforno, in forno preriscaldato e ventilato a 170° per 5'/7' fin quando appaiono dorati...
Li lascio raffreddare.... e se non vengono “sbafati” in un battibaleno li posso conservare in scatole di latta … cosa che a noi non e’ successa! 
Troooopppooooo buoni e gustosi!
Posso dare un unico consiglio: raddoppiare la dose di tutti gli ingredienti...
Vedrete ne varrà la pena!!!




Bon Appetit!

PS: ringrazio per i bannerini autunnali

martedì 12 novembre 2013

Piccoli GRATIN AUTUNNALI!



O QUATTRO PASSI NEL BOSCO!
Uno splendido "pasticcio che mette in tavola la regina dell'autunno: la ZUCCA coniugata con lo stracchino fresco.


INGREDIENTI per 4 pax:
due zucchine affettate a "fetta di salame" con la mandolina o l'affettatrice (sul 3)


una cipolla bianca affettata dello stesso spessore delle zucchine
200 g di zucca decorticata e gia' passata in forno
100 g di stracchino fresco

pomodoro secco sott'olio
olio evo, pepe, sale

CHE FARE:
taglio la zucchina e la cipolla con l'affettatrice, malgrado le "lacrime" dirompenti, riesco a sistemarle sulla leccarda del forno ricoperta con carta forno; le irroro con olio evo e le inforno direttamente sotto il grill per 5 o 6 minuti, non di piu' per non farle abbrustolire!
Preparo una teglietta  rivestita con carta forno leggermente bagnata per farla aderire meglio e vi adagio la zucca affettata.
Salo leggermente ed irroro con olio, dispongo sopra lo stracchino a bocconcini e dispongo le fette di zucchina a raggiera proprio sopra. Aggiusto di sale, pepe, olio.
Rifinisco con le rondelle di cipolla.
Per abbellire posso rifinire con un pomodoro secco sott'olio.
Lasciare cuocere in forno per circa 15' con il forno a 180°C.
Ho coperto la teglietta con carta da forno per non far seccare troppo la verdura!



Ho servito la mia teglietta di gratin autunnali con fette di PAN BRIOCHE (ri-vedi la ricetta base!)

Per occasioni piu' formali si possono preparare anche tegliette individuali!


Bon Appetit!

PS. ringrazio
per i suoi banner autunnali

lunedì 11 novembre 2013

La mere Poulard a le Mont Saint Michel in Bassa Normandia


La Mere Poulard è famosissima nel mondo per la sua OMELETTE delicata, soffice e spugnosa: guarda qui che meraviglia!


Ingrédients pour Omelette de la mère Poulard

8 oeufs
50 g de beurre
2 c.à soupe de crème fraîche
Sel fin, poivre blanc du moulin
Préparation
pour Omelette de la mère Poulard

1)Battez les jaunes d'oeufs au fouet, salez-les et poivrez-les. 2)Montez les blancs d'œufs en neige très ferme, avec 1 pincée de sel.
3)Faites fondre le beurre dans une poêle, puis versez-y les jaunes battus. Ajoutez-y 2 c.à soupe de crème fraîche. Salez, poivrez.
4)Lorsque les jaunes commencent à cuire, incorporez-y les blancs en trois fois. 
5)Enfin, achevez la cuisson sur feu vif. Servez aussitôt.
6)Quelques secondes avant la fin de la cuisson, cessez de remuer pour que la masse puisse "prendre".
7)Faites glisser l'omelette sur un plat chaud et repliez-la sur elle-même. Servez aussitôt.

Accord vin pour Omelette de la mère Poulard
- Un Côtes de provence (Provence)



Enjoy!

Ps Ringrazio 
per il banner autunnale!

Sablés de Normandie


Una fuga a tre in quel di Normandia e Bretagna!!!
Una luuuuunga “cavalcata” fra sole e pioggia, pietre parlanti e maree …
Loghi magici e fascinosi!
Piccoli morsi di ricordi attraverso pianure ben custodite e presidiate, con mucche, capre e cavalli al pascolo, liberi e immoti al nostro passaggio!
Un piccolo viaggio che ci ha dato il pretesto per nuove scoperte:
 che delizia questi biscottini tipici della Normandia, ENTRANDO IN " LE MONT SAINT MICHEL", la Grande Route  etutta tappezzata dalle svariate confezioni che ritraggono la  famosa locanda  de 



In un grazioso pacchetto i suoi famosissimi  sablées , la fanno da padrone, per i gusti della nostra famiglia, sopra le GALETTES ed i BISQUITS. Inutile dire che la ricetta originale, firmata Mère Poulard, è rigorosamente segreta, ma curiosando qua e là sono riuscita a reperire la classica ricetta francese e devo ammettere che è deliziosamente burrosa al punto giusto. Sul sito creato per il suo albergo addirittura ti fanno lo sconto, sugli acquisti on line, se indichi gli ingredienti esatti della ricetta segreta!


Ingredienti per una trentina di sablés:
150 gr di ottimo burro a temperatura ambiente
100 gr di zucchero
1 uovo grande
250 gr di farina 00
10 gr di lievito per dolci
un pizzico di sale
1 cucchiaio di estratto di vaniglia (facoltativo)
Per la doratura: 1 tuorlo d'uovo + 1 cucchiaio di latte + 1/2 cucchiaio di acqua

 
Preparazione
Lascio riposare il burro a temperatura ambiente e lo taglio a tocchetti. Con l'aiuto di un mixer creo una specie di burro a pomata. Non va lavorato troppo a lungo, non deve assolutamente scaldarsi troppo!!! Unisco lo zucchero, mescolo ancora per qualche istante, fino a che ottengo una soffice spuma. Aggiungo un cucchiaio di estratto di vaniglia e l'uovo.
In una ciotola a parte miscelo bene la farina, il lievito chimico per dolci e un pizzico di sale.
Unisco i due composti e li lavoro ancora per pochissimi minuti, fino a quando la pasta  è omogenea, liscia e di una certa consistenza.
Formo un panetto o una palla e lo sistemo in una terrina coperto a campana e lo lascio riposare in frigorifero per almeno 1 ora (aumento il tempo di riposo nel caso in cui la pasta dovesse risultare troppo molle).
Trascorso questo tempo, infarino lievemente un piano di lavoro e stendo la pasta ad un altezza di 1 cm circa. Essendo un impasto molto burroso e morbido occorre lavorarlo velocemente e utilizzarne poco per volta, tenendo l'impasto restante ben al fresco in frigorifero.
Preriscaldo il forno a 160°C e fodero delle teglie con carta forno.
Dispongo  i biscotti ben distanziati tra loro.
In una ciotola sbatto il tuorlo d'uovo con un cucchiaio di latte e 1/2 cucchiaio di acqua fresca. Spennello la superficie dei biscotti e con i rebbi di una forchetta creo un decoro.
Inforno a 160°C per 15 minuti circa o almeno fino a quando i biscotti non avranno ottenuto il grado di doratura desiderato. Sforno e lascio raffreddare per qualche minuto.
La bellezza e’ che se ne avanzano … cosa molto difficile a casa mia! Questi sablés si conservano in una scatola ermetica per circa una settimana!!!!!





Attenzione alla cottura in forno, basta pochissimo e il calore brucia il burro!!!


Eccoli pronti per tornare a riempire la loro brava scatoletta di latta


Resisteranno all'assalto dei cuccioli?!
Non importa, la ricetta e' ormai collaudata e tornero' presto a rifarli!

Bon Appetit!




PS. ringrazio

per i delicatissimi banner!