martedì 29 marzo 2011

Amouse-Book


No, non un errore di battitura ma una "licenza" linguistica: libri piccoli piccoli, un bocconcino ogni libro, un divertissement per gli occhi, la mente e il gusto!
Amouse - bouche
per la mente!

Da tenere in cucina, nella tasca del grembiule, per ogni evenienza ...
Li avevo incontrati al "casino'" di Frejus, nell'ultima vacanza azzurra di Capodanno 2010
Ritornano in auge solo ora, dopo l'inaugurazione del "Duecento50 cafe'"


per preparare lo SPECIALE APPETIZER del p.v. 28 aprile, a "SpecialMENTE il Giovedi'!" allo Scarlet.
Dieci cm di suggestioni salate e dolci, fredde e calde ... da perderci la testa!

Mentre leggo, immagino gusti, sapori, colori da abbinare a piccoli e graziosi contenitori, si perche' ovviamente ... mi sono comperata tutti titoli molto significativi per la mia passione!

TAPAS E DIPS

VERRINES SALEES et SUCREES

RECETTES CHIC et CHOC

RECETTES VITE VITE!

e allora adesso, mie cari amici, verrete sottoposti ad una seria sperimentazione perche', si sa, e' solo conoscendo a fondo la materia che se ne  puo' parlare!!!

Enjoy!

domenica 27 marzo 2011

SpecialMente il giovedi' : atto primo!


Splendido pomeriggio questo di “SpecialMente il Giovedi’!” allo Scarlet Wine Cafe' .
Diverse le ragioni … Quella meno importante e’ forse la climatica: una splendida giornata, di vera primavera, con quell’arietta frizzantina la mattina che poi ti concede uno stupendo pomeriggio … mancano solo i voli delle rondini e poi … sembra di essere tornati indietro di un anno!


I volti amici, le strette di mano, gli abbracci, “Grazie di essere venuta!”, i tendoni che sbattono al venticello e l’adrenalina … l’adrenalina che sale a mille!


 
Alle 17,30 in punto si comincia con la presentazione di Maria Cristina, il suo inarrivabile accento, la sua pronuncia. Parla appassionata del valore di mamma, nonna e, udite! … udite, della s u o c e r a!



Della loro cucina, della loro grandezza e del libro che finalmente celebra la meraviglia quotidiana delle loro mani, la magia che si fa profumo e sapore ogni giorno, tutti i giorni!
Rispettosa dei tempi, da brava accademica, passa la parola a Sara.






Sara e Maddalena che hanno rilevato con passione ed energia questa attivita’ artigianale, inventata anni fa, precisamente nel 1978 e desiderano continuare nel solco della tradizione!



Ecco Sara con

Adele Suraci e Paride Palumbo, intenta alla produzione ... Immettere sul mercato cittadino, un tipo di alimento che veniva prodotto rigorosamente in casa per le occasioni speciale cioe' la Pasta Ripiena e' stata da subito la loro "mission".



Fondata nel 1978, grazie all’uso di materie di prima qualita’, acquistate a Km zero!!!!! quindi sicure e freschissime, questa attivita’ e’ oggi una solida realta’ produttiva del Borgo, nella produzione di pasta fresca, come fatta in casa, dalle vostre … nostre manine. Inoltre, cosa non trascurabile, le linee di produzione, usano il sicuro e tradizionale metodo di TRAFILATURA A BRONZO e l’abbattimento a bassa temperatura della pasta ci garantisce un tortello, una chicca, uno gnocco che mantengono intatte tutte le proprieta’ nutrizionali e , soprattutto, il sapore che ricorda quelli della mamma, della nonna, di casa!!!!

http://www.gelopasta.it/index.php

Siamo quindi passati a D E G U S T A R E !
Sara, Madda ed Enrica ci hanno portato tortelli d’erbetta, di zucca e al Radicchio Trevigiano … Mmmmhhhhh … vi lascio immaginare la squisitezza!
Tortelli a puntino cotti da Elisa,
 burro buono, di casera,
 Parmigiano stagionato 30 mesi … cosa chiedere di piu’ da una degustazione????



Ma come faro’ a decidere di imparare a farli in casa se Sara ed Enrica me li preparano cosi’ buoni???? Tutti i miei propositi di addentrarmi nella cucina di Borgo, vanno a farsi benedire …
Ma, non ho rimpianti!

Enrica mi rassicura … mi organizzera’ un “Anolino Day” per introdurmi ai segreti del pieno e dell’impasto!
Per questa sera, riesco a gustarmi i miei tortelli, Tortelli con la t maiuscola!
Buoni, gustosi e dolcemente scioglievolissimi al palato.

Grazie per la bellissima occasione a tutti coloro che hanno partecipato alla buona riuscita dell’evento!

Enjoy!

lunedì 21 marzo 2011

Lezioni di Cucina borghigiana 3


TORTELLI DOLCI AL FORNO
ottima alternativa ai tanti fritti di Carnevale!
Riempiono la cucina e la casa di profumo di pasticceria e, finalmente, il nostro naso si riposa dopo tanto "sniffare" fritto di strutto come ben si usa dalle nostre parti.
Sul libro di Claretta trovo queste dosi per l'impasto che vi riporto integralmente per onesta' di tradizione!

TURTEJ (Lalla Ferrarini)
8 hg di farina normale
2 hg di fecola
4 hg di zucchero
3 hg di burro
8 tuorli d'uovo
1 bustina di vanillina
limone grattugiato
un pizzico di sale
un po' di latte o di vino bianco
1 dose e 1/2 di lievito per dolci

Per i miei tortelli al forno seguo questa vecchia ricetta della mia tradizione familiare:

LUNETTE A SORPRESA
 di Laura
1/2 kg di farina che lievita
oppure
1/2 kg di farina 00
1 bustina di lievito per dolci
2 hg di burro a temperatura ambiente
2 hg di zucchero
1 bustina di vanillina
limone grattugiato
3 uova intere + 1 tuorlo
CHE FARE:
per entrambe le ricette occorre procedere all'impasto, mescolando tutti gli ingredienti, a mano o nella planetaria.
Pongo poi in frigo una mezz'oretta l'impasto, avvolto in pellicola.
Stendo poi l'impasto ad un'altezza di 3 mm. con la cannella infarinata, su carta da forno.
Con uno stampo tagliabiscotti ritaglio quante piu' formine possibili. Se ci sono dei ritagli, riimpasto e stendo nuovamente a 3 mm. Spennello con acqua il bordo di ogni forma preparata e pongo al centro il ripieno.
Vorrei spendere una parola per "il pieno": alla solita e classica marmellata, che quest'anno e' rigorosamente d'arancia!!!! spesso alterno un ripieno delicatamente agrodolce o addirittura una spuma o salsa salata ... Il risultato e' un gusto sorprendente! Il dolce della pasta a contrasto con il sapore dell'interno ... ;-)
Provare per credere!
Vorrei insistere sulla quantita' del pieno perche' deve essere abbondante e creare un giusto equilibrio tra la consistenza della pasta e quello del suo "segreto".
Chiudo poi a mezzaluna ogni formina con il suo ripieno, appoggio su carta forno e faccio cuocere in forno ventilato a 150° C per circa 20'/25'.
Da preparare veloci veloci anche per una merenda o per una gita fuoriporta

Bon Appetit!

domenica 20 marzo 2011

A proposito di Donne


Trovo finalmente il tempo e la tranquillita' per parlare di un'artista che mi sa parlare al cuore con i colori e la plasticita' delle sue opere! Si, perche' Noemi oltre a dipingere crea "cose" bellissime in ceramica Raku ...
Ho partecipato all'inaugurazione della sua personale a Parma, le sue opere hanno riempito i muri del Bar Dribbling e rimarranno a disposizione degli sguardi dei clienti, fino  alla fine del mese di marzo.
Avevo gia' avuto modo di vedere, l'opera delle sue manine, in un altro bar di Salsomaggiore (Pr) e so che ne ha collocate altre in diversi luoghi e cio' significa che i suoi quadri ... piacciono!
In particolare a me piacciono molto i suoi gioielli! Ricordo ancora la collana che indossava il pomeriggio in cui, allo Scarlet, abbiamo preso insieme a Lorenza (l'amica scrittrice! e presto ci saranno sue nuove ...) !
Originalita' e semplicita' disarmante connotano a mio parere le sue produzioni ma, cio' che fa, catalizza e cattura lo sguardo, dischiudendo un orizzonte di piacere!
Se volete conoscerla meglio, vi lascio i link ai quali potete trovarla:






Enjoy!

sabato 19 marzo 2011

Un mondo di gatti!

"VIA LIBERA ALL'IMMAGINAZIONE"
2006
cm. 70x50 tempera su tela

Una bellissima sorpresa mi aspettava alle O.F. l'altro giorno quando, per motivi strettamente lavorativi, mi sono avventurata nei meandri di questo bellissimo edificio, ristrutturato e polivalente, che porta nel Borgo la cultura e la soddisfazione di curiosita' dei bimbi ma anche di adulti e giovani!
Una sala interamente dedicata ai   G A T T I !
 Una policromia allegra e illuminante per una tetra giornata di pioggia battente ed inarrestabile!
Una gioia per gli occhi, questa mostra di
CRISTINA VIGEVANI
un'artista che vive e lavora a Fiorenzuola D'Arda (Pc).
Leggo sui suoi pieghevoli che recentemente ha ripreso la sua attivita' pittorica e i suoi gatti mi raccontano di una fine ricerca e sperimentazione che va dalla pittura su tela al collage materico ...
Bello, allegro,coinvolgente
questo suo mondo di gatti!
Ogni quadro e' corredato da una frase che ne coniuga la valenza intima, la riflessione personale che diventa anche tua mentre la leggi!


"UN NUOVO SOLE CI SARA'"
2007
cm. 70x50 tempera su tela

Belli i commenti riportati di U. Borlenghi e G. Torricella che mi raccontano sprazzi di vita, motivazioni e attivita' dell'artista, me la svelano a poco a poco, nel percorso fra i suoi quadri che sono bocconi di luce e parlano di solarita' e allegria anche attraverso la solitudine di questi mici, amici indipendenti delle nostre case e delle nostre citta'!
Da vedere

Enjoy!

La festa di un papa' speciale: il nostro!


Ognuno si organizza come puo': io in cucina e i "cuccioli" con messaggi e piccoli doni!
Anche dedicare del tempo, spadellando attorno ai fornelli, rimane per me un bel gesto d'amore e, piu' lo fai volentieri, meglio riesce il piatto che stai preparando!
Veramente ;-)
Percio' oggi

C E L L E N T A N I    con  M A Z Z A N C O L L E    al    C U R R Y
che sono un piacere per gli occhi oltre che per il palato


INGREDIENTI per 3/4 persone:
300 gr di mazzancolle o code di gambero
1 scalogno
un cucchiaio abbondante di olio e.v.o.
1 bicchierino di brandy
1/2 peperone rosso e 1/2 peperone giallo affettati a julienne
200 gr di panna fresca
1 pizzicone di sale o salamoia bolognese
1 cucchiaino di curry in polvere
1 pugno di prezzemolo fresco da affettare a julienne
1 macinatina di pepe

300 gr di Cellentani.pasta corta secca, preparata con semola di grano duro. Dalla forma sembra un piccolo cavatappi, un ricciolo dalla superficie scanalata. La forma sinuosa, il foro centrale  e la rigatura esterna, rendono questa pasta adatta ad accogliere sughi ben strutturati!

CHE FARE:
porre l'acqua a bollire mentre si avvia il sugo ...
Scottare le mazzancolle che da grige diventeranno rosa! Sbucciarle dalla sottile corazza, lasciando intatta la codina. Ripulire il filino nero con la punta di uno stuzzicadenti.
Far soffriggere nell'olio leggermente scaldato lo scalogno affettato a velo e i peperoni lavati, puliti dai filamenti bianchi interni e affettati sottilmente, a listerelle. Far ripassare le mazzancolle ed irrorare il tutto con il bichierino di brandy. Mescolando, lasciar evaporare.
Aggiustare di sale e polverizzare con il curry in polvere.
Aggiungere la panna e mescolare delicatamente ... senza lasciar asciugare troppo.
Nel frattempo, al bollore dell'acqua, salare con un pugnetto di sale marino (possibilmente integro!) e aggiungere un filino d'olio perche' la pasta rimanga ben separata. 
Versarvi i Cellentani e, mescolando, lasciar cuocere per i 10' consigliati.
A cottura, scolare i  Cellentani e saltarli nella padella con il sughetto preparato.
Se risultasse troppo asciutto, aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta e mescolare delicatamente.
Tagliare sopra il prezzemolo fresco a filetti, mescolare delicatamente e servire, macinando sopra, direttamente sul piatto (ogni commensale puo' deciderne la quantita' a piacere) del pepe in grani.
MMMMMMmmmmm! Da gustare con gli occhi e il naso prima che con la bocca.

Bon Appetit!






lunedì 14 marzo 2011

Lezioni di Cucina borghigiana 2


Con il freddo, in questo altalenare della stagione ma soprattutto con le raggelanti immagini del nostro "focolare digitale" ... sto parlando della paura e dell'orrore che ci raggela, in questi giorni, dallo schermo della TV ... non posso che coccolare gli affetti della famiglia e coccolarmi con una buona e calda, tazza fumante. Non essendo molto portata per il dolce, come ben sa chi mi conosce e/o mi segue, mi butto sul bel libro in vernacolo di Claretta, una vera borghigiana del "sasso", che sto studiando, nell'intento di familiarizzare con la cucina di qui!


Ritrovo, sul bellissimo e molto istruttivo libro di Claretta, vernacolista speciale del Borgo!, queste indicazioni per
IL BRODO DI CARNE

INGREDIENTI
per un buon brodo prima che "La Paletta o il Cappello del Prete" (roba da signori!) la facessero da padroni nelle nostre pentole ...
3 hg di Doppione
3 hg di Spuntadura
2 pezzi di coda
1 pezzo di muscolo o meglio un ossobuco con il midollo
1 osso da brodo
1 cipolla
un gambo di sedano
1 carota
sale grosso

CHE FARE:
pulire le verdure e porle con la carne e il sale in una pentola capace, con acqua fredda. Personalmente, nell'acqua fredda, aggiungo anche una foglia di alloro perche' l'alloro, si sa, e' una scopa per l'intestino!!!!
Portare a bollore e schiumare, man mano che si forma la schiuma, con una paletta forata.
Lasciar cuocere, facendo sobbollire pian piano, finche' arriva l'ora di mangiare.
Filtrare il brodo con uno "chinoise" a trama fissa.
Il brodo ottenuto e saporito, con occhiatura regolare e si presta a tutti gli usi che la fantasia vi suggerisce.
Oltre che per una buona minestrina coccolosa, la sua morte, per me, e' il   r i s o t t o!!! Che sia alla milanese o alla parmigiana, non fa differenza. Basta che sia risotto e ben mantecato!  
Sgrassare inoltre la carne e gustare con salse diverse: mostarda, senape o salse home made, di cui vi diro'...
Il grasso ("èl momon") attaccato agli ossi, puo' diventare un "boccone del re" se condito con olio e sale ma , comunque, non e' da buttare!!!! giammai ... si puo' riporre in frigo, per un saggio riutilizzo in polpette, per arricchire la frittata o un sugo!!!
Aggiungo solo una cosa, imparata dalla "Cucina Italiana": porre la carne in acqua FREDDA quando si vuole ottenere un ottimo brodo perche' la carne, in questo modo, rilascia lentamente tutte le sostanze nutritive e gli aromi all'acqua. Se, al contrario, e' la carne bollita che si desidera, occorre partire da acqua gia' a bollore ...


Bon Appetit!

domenica 13 marzo 2011

Mreglio tardi ... che mai: suggestioni di carnevale


Ritorna il carnevale e si risentono il profumo dei fritti, delle creme e un leggero sentore di vaniglia dello zucchero a velo ... per le strade ma non solo! Anche nella mia cucina c'e' una tradizione che ritorna, come ritornano tutte le buone prassi di condivisione! Siiiiiiii ... perche' le chiacchere, sia quelle verbali che quelle profumate di farina, si fanno insieme.
Ormai, la nostra allegra brigata, ha raggiunto un'efficenza super! Abbassato il quantitativo dell'impasto, abbiamo velocizzato tutte le manovre e con la sola intesa di sguardi, le nostre chiacchere si srotolano velocemente, nel dopocena!
Per questo, alla vecchia ricetta, che non ha subito modificazioni nella sostanza
(http://scarletcafe.blogspot.com/2010/02/esperimenti-di-cucina-continua.html)
abbiamo apportato nuove proporzioni
700 gr di farina che lievita
90 gr di burro
85 gr di zucchero
6 tuorli + 1 uovo
1 bicchierino di grappa
CHE FARE:
innanzi tutto l'impasto che, dopo essere stato avviato in planetaria, deve ... e sottolineo DEVE ... essere lavorato con manine belle calde e santa pazienza per una quindicina di minuti!!!!



Di solito preparo l'impasto la mattina per poterla utilizzare la sera!! Tengo l'impasto coperto a campana e, esperienza insegna, piu' rimane li' e meglio e' ....

giovedì 3 marzo 2011

"Desiderata" di ... primavera!


Vogliamo colorare
la primavera che viene???

Anche se, con questo pessimo tempo, sembra di la' a venire ...
penso che sia ora di prepararsi,
dare una spolverata ai desideri d'aria aperta, 
togliere le ragnatele a nuovi progetti!!!

Ecco le occasioni che ci si presentano:

LA CUCINA PARMIGIANA PARLA LA LINGUA DI ALBIONE
e "sposa" una degustazione di pasta ripiena!
GIOVEDI' 24 MARZO 2011

PRESENTAZIONE CAPITOLO "APPETIZER"
e degustazione amouse - bouche di "Pourquoi-pas?"
GIOVEDI' 28 APRILE 2011

PRESENTAZIONE CAPITOLO "DOLCI"
Sweets & Cakes contest
GIOVEDI' 26 MAGGIO 2011

"FINGER FOOD" d' ARTE
presentazioni di artiste e bocconcini golosi
(Notte Bianca Giugno: data da confermare)

queste, e non solo, le idee che bollono "in pentola"!

D O V E?
C O M E ?
Q U A N D O ?

MA ... a ...

"SpecialMENTE il Giovedi'
allo
Scarlet!"

Enjoy!!!  

volantino "SpecialMENTE il Giovedi'"


Ricominciare e rifiorire
dopo
il luuuuuuungoooooo inverno.
Una cura di "bellezza"
che chiamiamo
"SpecialMENTE il Giovedi'"

Ricominciare ... a uscire, camminare, chiaccherare, ritrovarsi ...
Dove?
Allo "Scarlet Wine cafe'"
 naturalmente!!!

Quando?
A partire da giovedi'
24 Marzo 2011
dalle ore 17,30 alle ore 19,00

Per conoscere le date e le "suggestioni"
vai a:

http://scarletcafe.blogspot.com/2011/03/desiderata-di-primavera.html

E poi ...
Ti aspettiamo!