lunedì 31 maggio 2010

la vie en rose

suggestioni in rosa
rosa per guardarsi intorno, per vedere il mondo con i famosi occhiali rosa e, visti i tempi...non guasta!
Raccolgo alcune suggestioni in rosa da un vecchio editoriale de "La cucina italiana" maggio 2009 per appropriarmi del rosa e trasformarlo secondo le mie preferenze!
"La celebre sarta Elsa Schiaparelli, a ridosso della seconda guerra mondiale disegnava GREMBIULI E VESTITI DA CUCINA CHE CONSENTISSERO ALLE DONNE DI ESSERE ATTRAENTI ANCHE QUANDO PREPARAVANO DA MANGIAREe, creava un colore anticrisi, uno squillante, sfrontato,impossibile rosa shoking."Cito le esatte parole di P.Caglioni ma e' da qui che parto con le mie associazioni cercando qualcosa di nuovo e di antico per il nostro sabato rosa!
Rosa come il Prosciutto di Parma tagliato sottile sottile, quando e' dolce dolce; come la spalla cotta calda, tagliata a mano e piu' saporita, come la "mortazza" la mortadella dell'Ibis esaltata dal verde tenero dei pistacchi...
ROSA come un letto di petali di rosa come nel famoso film AMERICAN BEAUTY
ROSA come un delizioso sorbetto al Brachetto, lo CHAMPAGNE ROSE' che ci stuzzica all'aperitivo o il PINK LADY,il KIR,il ROSSINI (in una coppa verso un dito di frullato di fragole e tanto champagne fino a riempirla, guarnendo la coppa con una fragola ben matura) e il nuovissimo ROYAL (Prosecco+Martini rosè).Ma anche il mio preferito:SCARLET (CUVE' FRANCIACORTA 18 di QUADRA+ due fragole a pezzettoni sul fondo)
ROSA come il salmone fresco di tante grigliate o quello FUME' sulle tartine e nei rotolini,ROSA come i wurstel che occhieggiano dalla camiciola di pastasfoglia ...
Come la maionese mescolata al pomodoro della salsa ROSA per il cocktail di gamberetti al profumo di cognac,ROSA confetto dei nostri grembiulini baby e dei nastri per capelli delle nostre grandi occasioni...il ROSA salmone che fa tanto estate, il ROSA pesca e corallo delle nuove magliette con lo scollo all'americana!ROSA della nuova mela pink lady...ROSA stucchevole delle cicche che riuscivamo sempre a farci scoppiare tra bocca e naso, o quello lezioso dei trucchi da bambola!
ROSA screziato come i fiori di melograno...speriamo che la notte sia veramente...rosa!

giovedì 27 maggio 2010

MANIABILI



le nostre maniabili della
"NOTTE ROSA":
per il KNIT CAFE': RITA
per i gioielli TIZIANA , RIRITA  e RITA
per la ceramica RAKU: DANIELA e ANNA
per le creazioni artistiche:GEMMA
per i volti a carboncino:ROBERTA
per i romanzi...LORENZA PELLEGRINI
sul nostro "solito tavolone"
TUTTO TE'
TUTTO CAFFE'
TUTTO CIOCCOLATO
I FUNGHI
L'OLIO BIO
IL PEPERONCINO
FARINE E IMPASTI!!!!!
Da leggere, sfogliare, assaggiare, annusare, tastare....
ci siamo a 360° 

mercoledì 26 maggio 2010

tutto in rosa

Sempre organizzando la notte rosa,
 niente di meglio che rose stupende dei nostri giardini, rose solo rubate con l'obiettivo della digitale per regalarci poi, nel corso dell'anno, le emozioni dei loro colori e dei loro profumi!!!
MA ECCO GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI
OPEN SCARLETsara' in "ringhiera" con le protagoniste dei "giovedi' rosa" e le attivita' che ne hanno animato i pomeriggi:
KNIT CAFE e MANIABILI con gioielli e creazioni artistiche (ceramica raku e legno).
Per l'associazione "LA GROTTA DI CRISTALLO" sara' presente il NATUROPATA dott .Roberto Catellani con una conversazione sulle intolleranze alimentari ALLE 17,30(orario DA CONFERMARE), ALLE ORE 21,00 DANZE ORIENTALI proposte da Marcella Donati.MASSAGGIO RELAX AL VISO e GLI ARCANI DELL'ANIMA (Lettura dei tarocchi) a cura di Gloriana Astolfi sotto il gazebo allestito dall'associazione a partire dalle ore 18,00!
L'associazione "FUTURIA"con il suo materiale.
ELENA AMADEI con i suoi prodotti per la spendida forma della/o sportiva/o in ambientazione "maglia rosa",
LORENZA PELLEGRINI e il suo nuovo romanzo "ETERNO RITORNO" che ha tinto di ... giallo i nostri giovedi' rosa!!!
UNA "PERSONALE" PER ROBERTA BELLANI (che espone per la prima volta in citta')i suoi splendidi volti a carboncino!Bisogna proprio fare quattro passi fino al...Duomo:noi vi aspettiamo!

sabato 22 maggio 2010

lavori in corso:aspettando la "notte rosa"


tutto quello che troverete
il 5 giugno 2010
all'
OPEN

"GIOVEDI' ROSA"
LA GROTTA DI CRISTALLO
Associazione Sportiva e di Promozione Sociale
affiliata CSEN-CONI
La Grotta di Cristallo è stata fondata nel 2001 allo scopo di studiare e praticare trattamenti olistici e tecniche di ricerca interiore, finalizzate allo sviluppo spirituale e all'ottenimento dell'equilibrio psico-fisico dell'uomo. La partecipazione alle attività dell'Associazione è riservata ai Soci. L'Associazione è aperta a chiunque ne condivida le finalità e la filosofia.
La Sede si trova a Fidenza (Parma) in via dei Mille 13
                                               tel. 0524-84450 , 328-8349947 328-8349947
Ma per questa splendida notte, si mette a nostra disposizione con :
Ci vediamo per un te' (ore 17,30)con IL NATUROPATA dott.Roberto Catellani che ci parlera' intorno alle intolleranze alimentari e sara' a disposizione per uno splendido MASSAGGIO RELAX AL VISO.
Possibilita'(su prenotazione) di MASSAGGIO SHIATSU con Luigi Montenero.
"GLI ARCANI DELL'ANIMA "(lettura dei tarocchi) a cura di Gloriana Astolfi
alle ore 21,00 appuntamento con LA DANZA ORIENTALE : Marcella Donati ci delizia con le danze rituali dell'oriente
A completare lo splendido programma della serata potremo apprezzare
DANIELA e la ceramica RAKU
ELENA AMADEI con la sua proposta di sana alimentazione per gli sportivi e non
Inoltre...Una new entry:Nando Dalla Gherarda e il suo LEGNO!

Queste sono state le adesioni di massima...aspettiamo prossime conferme!
Cercheremo poi di dare la giusta visibilita' a:
KNIT CAFE'
GRUPPO "MANIABILI" con i loro splendidi gioielli

APPUNTAMENTO QUINDI DA...
NON MANCARE!!!!
;-)
N.B.potranno esserci modificazioni d'orario

mercoledì 19 maggio 2010

EAT ME con Parmacotto

Carlotta Balestrieri (PR 1983):135x105cm,tecnica mista su carta montato su pvc
"Offrirsi al cibo e' un profondo atto d'amore,come un bambino si offre ad un adulto cercando protezione.La leggerezza dei fanciulli nell'approcciarsi ad esso e' un esempio incantevole di come una cosa cosi' importante possa essere vissuta come uno splendido gioco"
dal catalogo della Mostra
Bella l'idea di artisti e, artisti emergenti, a confronto con la cultura del cibo!Come l'occhio d'artista interpreta, rielabora e sa comunicare il suo vissuto del, con, intorno al cibo...E' rimasta aperta, questa mostra a Palazzo Pigorini a Parma, dal 17 aprile a chiusura del Cibus.L'iniziativa e' stata promossa da Parmacotto con il patrocinio dell’assessorato alla Creatività Giovanile del Comune di Parma.per dialogare, promuovere e investire nel nuovo:che sia esso cibo o arte!Venti giovani artisti dell'Archivio Giovani Artisti(AGA) del Comune di Parma hanno avuto modo di farsi conoscere parlando del cibo e dell'alimentazione e la location mi sembra adeguata:la Capitale della Food Valley.
Cosi' ne annunciava l'evento la Gazzetta di Parma il 30 aprile 2010
«Eat me»: galà benefico per Betania
Margherita Portelli
Nella città del gusto l’arte si fa solidale. L’ultima tappa del progetto «Eat Me. Con Parmacotto un quadro d’autore per la città» - che ha visto protagonisti nelle scorse settimane i ragazzi dell’Archivio giovani artisti di Parma - trasformerà l’estro dei creativi di domani in una speranza concreta per altrettanti giovani in difficoltà. Martedì alle 18.30 Palazzo Pigorini ospiterà il «Gran Galà Benefico Eat Me»: una vendita benefica, di cui il Comune di Parma si farà garante e il cui ricavato andrà a finanziare le iniziative e i progetti della Comunità di Betania. Come già annunciato, infatti, Parmacotto ha deciso di donare tutte le opere realizzate dagli artisti che hanno preso parte a quest’iniziativa alla Comunità di servizio e accoglienza Betania, che da anni opera sul territorio parmense grazie al grande impegno di don Luigi Valentini e dei suoi collaboratori.
«Un’asta filantropica» quella a conclusione del progetto «Eat Me» che insieme incarna il rinnovato mecenatismo di un’impresa privata a sostegno dei giovani artisti emergenti e l’attenzione all’accoglienza e alla solidarietà che si traduce in un beneficio concreto per la comunità. Durante l’evento di martedì, realizzato grazie al supporto di Kika events, saranno presentati i vari quadri che fino a pochi giorni fa erano esposti a Palazzo Pigorini e, chi interessato, potrà acquistare le opere. I proventi saranno donati interamente alla Comunità di Betania. «Eat Me rappresenta un ritorno a quell'antica abitudine di mecenatismo, in cui un’azienda privata decide di investire sull'arte emergente - spiega l’assessore al Benessere e alla Creatività Giovanile, Lorenzo Lasagna -. Ora il progetto si allarga e l’opera d’arte si traduce in impegno sociale. Con il Gran Galà Benefico termina così, anche se solo momentaneamente, la prima parte di un percorso che ha arricchito tutta la città».
Con quest’iniziativa si uniscono due mondi giovanili che per esperienze di vita risultano lontani: «I giovani sono una componente preziosissima della nostra società - afferma Don Luigi Valentini -, purtroppo alcuni si perdono e, talvolta, hanno bisogno una mano; il progetto Eat Me è un grande esempio di come poter creare sinergia tra i giovani artisti e i giovani in difficoltà. E' anche grazie ad iniziative come questa che si può colmare una distanza». Stefania Rosi, direttore marketing di Parmacotto, ha infine rivelato che dall’8 al 13 maggio, nell’ambito delle iniziative legate a «Cibus in Città», la mostra Eat Me riaprirà, sempre nella sede di Palazzo Pigorini, e sarà visitabile gratuitamente tutti i giorni dalle 10 alle 19.
Leggo ancora che...
Inoltre, per premiare l’impegno e la creatività dei tanti artisti dell’archivio, saranno selezionati tre opere che si distinguono per: forma, senso e avanguardia. Nella giornata del 16 aprile, una commissione composta da rappresentanti dell’azienda e del Comune si riunirà per valutare i quadri e durante l’inaugurazione premierà i tre vincitori con un riconoscimento alimentare offerto da Parmacotto.Le tre 3 citazioni speciali saranno affidate in base a specifici criteri; in particolare, l’opera che si distinguerà per la forma sarà valutata dal punto di vista estetico-formale, il quadrò dovrà emergere per la conoscenza del bello naturale e artistico in quanto tale; per il senso la valutazione si baserà sul punto di vista etico. La giuria si riserverà la possibilità di scegliere il quadro che sarà ritenuto il “migliore” per quanto riguarda i contenuti espressi; infine, l’opera che verrà premiata per l’avanguardia dovrà distinguersi per la ricerca effettuata dall’artista. La giuria sceglierà il quadro che rappresenta maggiormente nuovi percorsi emozionali, di ragionamento e domanda, che si ispiri ai nuovi linguaggi, ma soprattutto che dimostri di avere una coscienza critica, in grado di identificare razionalmente gli aspetti prevedibili e non dell'eticità nell'arte.
Bella passeggiata nell'arte e nella creativita' dei giovani, una visione del cibo e dell'alimentazione densa di colori e significati in queste opere "aperte" alla lettura- libera di chi si aggira in questo palazzo signorile.Ci si toglie dalla trafficata Strada Repubblica e si respira subito il silenzio di antiche scale, angusti passaggi e piccole sale dove pero' questi lavori a grandi dimensioni sanno accogliere il tuo sguardo.Non ci sono risposte:con il colore, lo spessore e i diversi materiali questi quadri rimandano ad una riflessione profonda:
"Chi mangia...chi?" 

Festa nazionale del pane fresco

"FRESCO E ARTIGIANALE
L'AMICO DI TUTTI I GIORNI"
e' un'iniziativa  organizzata dalla FEDERAZIONE ITALIANA PANIFICATORI (FIPPA)
 che coinvolge circa 26.000 panifici italiani.
E' un appuntamento che ha l'obiettivo di promuovere il consumo di pane fresco e di consolidare il rapporto fra fornai e consumatori.
Ho avuto la possibilita' di farne esperienza a "Cibus in citta'", per caso, uscendo dalla mostra"EAT ME" sponsorizzata da Parmacotto a Palazzo Pigorini (Pr).
Una piacevolissima sorpresa:un gran panificio all'aperto con tanto di impastatrice, forno, piani di lievitazione e impasti!!!! a portata d'occhio.Tre "magnifici fornai", da fotografia preparavano e sfornavano pane fresco, profumato e buono a ciclo continuo
"IL SEGRETO DEL BUON PANE ARTIGIANALE E' SEMPRE LEGATO AGLI INGREDIENTI SANI E NATURALI  E...ALLA PASSIONE DEL FORNAIO" .Cosa ci puo' essere di piu' semplice che la farina, l'acqua, il sale, il lievito...eppure,e' vero ;-) e lo sto sperimentando settimanalmente... ci vuole una buona dose di maestria, abilita' ma sporattutto d'amore perche' riesca questo miracolo:il pane!Risultato di una lunghissima storia e di una geografia davvero mondiale,eliminato dalle tavole dei patiti delle diete, ritorna prepotentemente alla ribalta sulla nostra tavola, segno di agape e di sorellanza:ne mettiamo un boccone in bocca per sedare lo stimolo della fame, lo mordicchiamo prima di arrivare a tavola, lo tocciamo nelle pietanza piu' saporite...pane, sempre pane.Di tutte le fogge e composizioni,dalle piu' artistiche
a quelle piu' quotidiane!

Ma il "mago" e' sempre lui:IL FORNAIO che con maestria trasforma semplici ingredienti in quella meraviglia bianca che la mattina presto diffonde nelle strade, nelle piazze il profumo squisito ed intenso del pane appena cotto!Persino al super, quando viene pronto il pane surgelato e passato in forno, il nostro naso ci attira in una direzione ben precisa: il bancone del pane!Che sia di farina bianca, semibianca,integrale, multicereali...e' sempre buonissimo.Il pane e' forse il piu' sacro dei cibi, l'ultimo al quale ci rassegnamo a rinunciare,proprio per questo il fornaio ci sembra un mago la cui magia vada preservata da ogni contaminazione:il nostro futuro ma anche la nostra memoria sono nella magia sapiente delle sue mani:oggi, domani, sempre!
Ho avuto il piacere di vedere all'opera una piccola brigata di fornai, di scambiare quattro chiacchere tra un'infornata e l'altra, di assaggiare il loro pane :"PANE CIBUS"
CREATO E DISTRIBUITO IN PIAZZA DELLA STECCATA A PARMA
per una raccolta di offerte insieme all'organizzazione "NOI PER LORO"
A FAVORE
del reparto di
ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA dell'ospedale di Parma.
Ovviamente non ho potuto esimermi dal chiedere un pezzetto di pasta del pane:ne avevano di già condita per la focaccia!Cosi' ,con il mio sacchettino ben strizzato in alto, per evitare che la lievitazione continuasse in fretta, mi sono precipitata a casa:una bella focaccia per cena, semplice semplice ma con l'ottimo olio di Stefano e sale integro e grosso di Camargue...non ce l'ha tolta nessuno ;- )

Devo dire che questo pomeriggio non mi ha fatto rimpiangere il pane francese:il pane "cibus" ha retto la competizione con la baguette tanto amata ma, ahime', francese:vedere per credere!

mercoledì 12 maggio 2010

a proposito di latte crudo

E' da tempo che volevo segnalare la  bella iniziativa che rispetta in pieno i criteri di sostenibilità ambientale e al tempo stesso ci fornisce un servizio migliore, di qualita' e rispettoso dei valori di specificita' a km zero!
A Fidenza, nella zona del quartiere La Bionda (venendo dalla strada che passa davanti alla piscina coperta e
superando la seconda rotonda, a destra o arrivando da Tabiano in direzione della Coop sulla sinistra) è presente un distributore automatico. Da lontano gia' si capisce quale e' il prodotto distribuito perche' una bella mucca, siiiii... una mucca quasi a grandezza naturale ma statuaria, ci fa da segnale e ci invoglia ad  avvicinarci:hai la bella sorpresa di trovare un self service di.... latte crudo!La proposta è molto semplice, si riusa la propria bottiglia (o si può acquistarne una nuova al prezzo di 20 centesimi), inserendola nel distributore a gettone, si infila la moneta e si riempie il contenitore: geniale!Anzi dallo scorso anno il Signor Scalzotto, proprietario dell'azienda nella quale il latte viene prodotto, ha proposto anche una "chiave" che ciascuno puo' caricare con la cifra che desidera e fa anche un piccolo sconto sull'acquisto del litro di latte...€.0,90 ;-) che in tempi di "vacche magre", come questi, non e' male!La mia famiglia ne e' una consumatrice abituale ormai da tempo:il latte e' crudo (non pastorizzato) è ottimo, esce alla temperatura di 2 gradi centigradi.E' praticamente impossibile andarsene senza prima averne bevuto un sorso dalla bottiglia.Essendo crudo va consumato entro le 48 ore altrimenti si deve bollire per aumentarne la durata. Sul totem del self service sono presenti le indicazioni dell'azienda che lo produceed io, incuriosita, dopo aver provato a farmi il formaggino self made (http://scarletcafe.blogspot.com/2010/01/ce-lho-fatta.html ), non ho resistito ed ho invitato il sig. Lorenzo a scuola.

Roba da non credere...ha risposto subito di si e non solo!La mattina stabilita e' arrivato a scuola armato di ben 6/7 litri di latte, caglio, termometro e cestellini...ed e' stato subito formaggio!Accompagnato dalla figlia Valeria, il Sig Lorenzo ci ha preso per mano e accompagnato nelle attivita' di questo laboratorio del gusto:
Mescoliamo, tagliamo la cagliata...vediamo nascere nelle piccole forme il formaggino fresco che i miei bambini hanno potuto preparare da soli (ognuno il suo) e portarlo a casa per gustarlo in famiglia!Quando si dice che fa scuola il territorio!!!!
Annusiamo, osserviamo e assaggiamo:quanti commenti, com'e' diverso dal latte del super...che "odore"...Profumi e sapori scordati per noi grandi, mai assaporati dai bambini....
Non contenti, con la panna affiorata dal latte, ci siamo cimentati a produrre anche dell'ottimo burro:dopo aver agitato a turno la bottiglia con la panna (abbiamo provato l'ebrezza di simulare le centrifughe moderne!),Valeria ci ha lavato il burro che si era addensato dopo essersi separato dal latticello.
Ottimo burro!Degustato a cucchiaini da tutti noi, annusato, spalmato sulle dita per osservarne colore e consistenza!
Tutti soddisfatti poi ci siamo portati a casa il nostro bel fagottino:una sportina con il nostro formaggino fresco da degustare con i nostri familiari.
Grazie sig. Lorenzo, grazie Valeria per la vostra presenza e disponibilita', per l'amore con cui ci avete seguiti ..perche' ci avete fatto fare un "Laboratorio di vero gusto"!

lunedì 10 maggio 2010

Una passeggiata in centro a Parma

Cosa ho chiesto per la festa della Mamma???Si perche' ogni tanto anche noi "possiamo chiedere"....Una bella passeggiata in centro a Parma sabato sera per veder passare la MILLE MIGLIA e domenica mattina per IL CANTIERE DEL BIOLOGICO in piazza della Pilotta
Il primo incontro e' stato con le ragazze della "dispensAlimentare"(info@biolog.it )che commercializzano prodotti bio del cuneese:prodotti da forno con farina d'AVENA, una farina macinata a pietra che ha notevoli e benefici effetti sul nostro organismo:aiuta a ridurre i problemi legati al colesterolo ed alla pressione del sangue, contiene antiossidanti per cui protegge da malattie degenerative e da patologie legate all'invecchiamento :-) Inoltre le notevoli quantita' di fibre  contenute nell'avena contribuiscono a regolarizzare le funzioni intestinali...prodotti salati e dolci sono opera di "Ali degli Angeli"(http://www.alidegliangeli.com/ )e veramente gustosi nella loro completezza:il gusto dei piccoli crakers che ho assaggiato era ottimo!Lo stand presentava inoltre prodotti alla nocciola di un'azienda cuneese che raccoglie e trasforma in proprio le nocciole traendone un olio ottimo per le carni oltre alle creme dolci (http://www.aurumnocciole.com/ )Leggo sul loro sito come e' nata la loro idea di prodotto:
"Come tutte le migliori cose, la nostra, nasce per caso una domenica come tante, dove a volte è la fortuna e il destino a fare incontrare la gente. Quella fu una giornata memorabile perchè Massimiliano e Roberto della “Apicoltura della Burcina” con le rispettive famiglie erano in cerca di un buon posto dove mangiare, capitarono proprio nel rinomato ristorante LA BESSA di Luca Ribotto. E’ proprio lì che vennero a conoscenza che Luca era l’unico produttore di nocciole del biellese, esattamente della tonda Gentile delle Langhe. E’ qui che nasce un “fidanzamento” e un “matrimonio” tra il Sig. Miele e la Sig.na Nocciola. Da cui sono nati LaBugella, Nisulà e Nocciomiele."
E' la curiosita' che ci spinge a cercare e quindi a scoprire:nuove idee, nuove conoscenze, nuovi abbinamenti, nuovi gusti...nuovi prodotti!Sono un'amante delle nocciole tant'e' che ho provato a metterle persino nelle "crescenti delle Simili" (http://scarletcafe.blogspot.com/2010/05/le-crescenti-home-made.html )con ottimi,a detta di chi le ha assaggiate...risultati :-))Figurarsi quindi se mi potevo lasciar scappare queste goloserie...ringrazio quindi Sonia e Raffaella per avermele fatte assaggiare!
DONNE INGAMBISSIMA=MANIABILI!!!
titolo aggiudicato per la grazia e la dolcezza con cui ci hanno accolto ma soprattutto per la maestria che rivelano i loro prodotti.
La prima,Elisabetta Poggi ci ha affascinato con i suoi mieli di collina profumatissssssimi che abbiamo assaggiato e valutato anche in splendidi fagottini.Esperta fotografa, accompagna la sua degustazione con immagini splendide delle sue api e dell'ambiente in cui tiene le sue arnie.Lugagnano Val D'Arda e' la collocazione della sua Azienda bio che risponde al nome di AGRIBETZ. Il miele e' rigorosamente bio e certificato.
La seconda,Simonetta Covini ci ha incantato per mezzora con i suoi "chutney...marmellate,salse, composte..."tutte rigorosamente prodotte con i suoi prodotti agricoli;una volta finiti i prodotti agricoli, finite le salse, le marmellate..unica cosa acquistata: i limoni da un produttore bio che, se a sua volta finisce il prodotto...arrivederci al prossimo anno!La gente ormai lo sa, prenota per tempo e se arriva in ritardo, si rassegna ad aspettare il nuovo raccolto!Oltre a lasciarci incantare da profumi e sapori di Simonetta ci siamo lasciati incuriosire dall'attivita' didattica della sua azienda biologica nella quale vengono proposte attivita' per le scuole dei diversi ordini e gradi ma si lavora rigorosamente in piccolo gruppo perche' l'esperienza, anche se di breve durata, perduri negli occhi, nel cuore e nella memoria degli ospiti:grandi o piccoli che siano!
E la trovate qua: http://www.erbucchio.it/  
Infine ma non ultima Elena Amadei, amica dalle mani d'oro per le sue tante creazioni, gia' degustate anche allo Scarlet.Brava Elena!
UN'AMICA CON LE MANI D'ORO:sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo per avere una gamma che possa soddisfare il palato di tutti.

"SOLO FRUTTA E MANI DI DONNA"
Dice di se:"Sono una piccola artigiana che ha voluto creare un "piccolo"laboratorio per produrre marmellate, gelatine, confetture, composte e liquori senza saccarosio e conservanti aggiunti, senza pectine e coloranti.A fine luglio 2008 ha avuto inizio questa avventura,complici l'amore per i processi produttivi e i prodotti naturali.Sono nate le confetture dopo una lunga ricerca, i liquori hanno richiesto ancor piu' pazienza e perseveranza...ora stiamo lavorando con le verdurine dell'orto..." E’da poco che questa artigiana del gusto ha iniziato la sua attività e lo ha fatto non in grande ma con un grande stile. Lo si vede dal logo con cui si firma, dalla semplice raffinatezza delle sue confezioni di confetture e marmellate, dal modo che ha scelto per presentarsi ai clienti: andandoseli a cercare,sui mercatini del gusto (come ieri), negli eventi oppure mettendo i suoi prodotti in pochi selezionati negozi.Ma è bello andare direttamente da lei a comprarli, perché il racconto che fa è già un regalo di suo. Per scelta, non utilizza saccarosio(zucchero bianco tradizionale) ma lo sciroppo d’agave, un dolcificante naturale,estratto dall’agave blu, a basso indice glicemico.Lo aggiunge alla frutta acquistata dai produttori locali, con cui produce ottime confetture, marmellate di agrumi e i liquori tradizionali. Sono andata a trovarla per la sua specialissima confettura di fragole antiche, con i frutti di Vincenzo Tedeschi,un produttore locale.MMMmmmm...!!!Troppo buoooona!La potete trovare a questo indirizzo.
http://www.amadeiproduct.eu/
info@amadeiproducts.eu
Ed ecco una cosa curiosa, che non conoscevo assolutamente:IL FRUTTO DEL BAOBAB di Afrikana arrivata direttamente da Bologna: http://www.afrikana.it/ che commercializza IL SUCCO DEL FRUTTO DEL BAOBAB.E' un prodotto completamente naturale ottenuto dalla separazione meccanica della polpa essicata dall'albero, all'interno del frutto.E' un prodotto bio,solidale e sociale raccolto e lavorato in zone incontaminate dell'Africa, dalle popolazioni locali, nel rispetto della natura,delle tradizioni e del loro sviluppo economico.E' un ottimo riequilibrante intestinale,antiage e antistress ma anche un ottimo energizzante!
Se volete saperne di piu':
http://www.afroword.it/  e http://afrikana.it/
Ed ecco qui il mio "assaggiatore ufficiale"con cui controllo le mie opinioni e pareri:io ho assaggiato e degustato molto, lui di piu'!